Supersconti per San Valentino!

San Valentino Sconti AicelCosa regalerete a S.Valentino?

Quale gioiello, quale capo d'abbigliamento, quale oggetto tecnologico o di design può raccontare meglio il vostro amore?

Tra i quasi mille negozi Aicel c'è sicuramente quello che vi proporrà il regalo più adatto per il giorno degli innamorati.

Ma vi siete mai chiesti che origine abbia questa festa? E' pagana o ha fondamenta religiose?

La festa di S.Valentino ha origini pagane, ma viene modificata dal cristianesimo per farla aderire meglio ai dettami della Chiesa.

FESTA DI SAN VALENTINO: LE TRADIZIONI PAGANE.  Fin dal 4° secolo a.C. i romani, intorno alla prima decade di febbraio, erano soliti celebrare un rito di fertilità in cui veniva invocato Lupercus (poi chiamato Fauno), una divinità che avrebbe dovuto proteggere gli uomini e portare la fecondità a tutta la popolazione.
Durante questi festeggiamenti i nomi degli uomini e delle donne venivano messi in un’urna, ed estratti a coppie da un fanciullo innocente. I due "accoppiati" avrebbero dovuto vivere in intimità tra loro per un anno per onorare Lupercus.  

FESTA DI SAN VALENTINO: ORIGINI CATTOLICHE. La festa di Luperco non andava bene a tutti e la Chiesa, considerando immorale la tradizione romana, si impegnò a trovare un sostituto, un Santo degli innamorati che potesse oscurare Lupercus. Il Santo prescelto fu San Valentino di Terni (o San Valentino da Interamna), vissuto all’incirca tra il 176 e il 273, che fu un vescovo romano e un martire.
Secondo quanto si racconta San Valentino era nato in una famiglia benestante e, convertitosi al Cristianesimo, divenne vescovo di Terni a 21 anni.
Nel 273 Valentino si recò a Roma per predicare il Vangelo e fare opera di evangelizzazione, ma l’imperatore Claudio II gli ordinò di interrompere la sua opera di conversione e di rinunziare la sua fede. Valentino si rifiutò e l’Imperatore lo condannò a morte. Venne però graziato e affidato a una famiglia nobile.
Quando Claudio II morì fu l’imperatore Aureliano che si dimostrò molto meno tollerante e fece arrestare nuovamente Valentino: il vescovo venne flagellato lungo la via Flaminia e decapitato il 14 febbraio.

Ma cosa c'entra la storia di un vescovo decapitato con l’amore?
Ci sono due versioni della storia che riconducono S.Valentino agli innamorati del mondo:
Nella prima, di origine europea, Valentino si era innamorato della figlia del suo carceriere, una ragazza cieca cui Valentino restituì la vista: sapendo che di lì a poco sarebbe morto, il futuro Santo scrisse alla bella un biglietto di addio, firmandosi “il vostro Valentino”, formula che è possibile ritrovare oggi in molti biglietti scambiati il 14 febbraio.
Una seconda versione della leggenda è invece quella statunitense, che narra come Valentino, donando i fiori del suo giardino a una coppia di giovani innamorati, li avrebbe benedetti e avrebbe fatto in modo che restassero insieme per sempre.

 

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter e riceverai offerte esclusive direttamente nella tua casella di posta

Le ultime news